Domanda:
Come si può recuperare dopo aver parlato male in un'intervista?
c_maker
2012-04-19 05:25:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Di recente ho avuto un colloquio telefonico ed è andata così così. Penso di aver fatto un paio di buone domande, ma penso anche di averne fatto almeno una cattiva.

Ecco come è andata la conversazione ...

  • Io: "Di cosa si lamentano maggiormente i tuoi sviluppatori ogni giorno?"
  • Manager: "Di solito si lamentano del fatto che altri sviluppatori non fanno bene il loro lavoro perché non sono qualificati."
  • Io: "Perché ci sono così tanti sviluppatori non qualificati nel team? È a causa delle pratiche di colloquio ? "

Nota ... la formulazione potrebbe non essere esattamente la stessa di sopra. Inoltre non sono un madrelingua inglese (non sarebbe una scusa così)

Penso che la mia ultima domanda fosse fuori linea. Non volevo suggerire che non stiano conducendo una buona intervista. Era solo pura curiosità, ma ripensandoci è sicuramente un segno nero nel mio disco.

C'è un buon modo per riprendersi da questo dopo il fatto? Se avessi realizzato la mia stupidità allora, avrei detto qualcosa, avrei ammesso che era una brutta domanda. Ma cosa posso fare adesso? Ore, forse giorni dopo il colloquio?

In generale, cosa si può fare per riprendersi da situazioni come questa?

Ti sei comportato meglio di me - ho riso ad alta voce quando ho letto la risposta del manager. Un modo per gestire un'osservazione scioccante come questa potrebbe essere semplicemente porre una domanda approfondita piuttosto che suggerire una causa principale. "Davvero? Sei d'accordo con questo?" "Perché pensi che sia?" "Sono poche persone o è molto diffuso?" Se hai già detto qualcosa di cui ti penti, una strategia di recupero potrebbe essere solo per coinvolgere nuovamente - "Sono davvero curioso della percezione che alcuni membri del team hanno che altri non siano qualificati - dimmi di più".
Sono solo io che interpreto la tua risposta come presa in giro? Se fossi il manager, riderei ad alta voce e continuerei la conversazione.
Se hanno così tanti sviluppatori non qualificati che gli altri sviluppatori se ne lamentano, probabilmente non vorrei comunque questo lavoro. Quello che hai detto non era la cosa migliore e ci sono alcune buone risposte a ciò che sarebbe stato meglio dire. Ma non mi preoccuperei di perdere un lavoro in cui ti hanno detto che non gli interessa assumere persone di qualità.
La migliore ripresa sarebbe stata portarla avanti come uno scherzo. "Aspetta un attimo. Stai cercando di assumermi perché pensi che non sia qualificato?"
Meno detto, riparato prima.
[Guarda questo video.] (Https://www.youtube.com/watch?v=U4D1hhDWunQ)
Sei risposte:
#1
+41
Michael Durrant
2012-04-19 07:18:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dipende dal tempo.

  1. Se te ne accorgi subito, "come lo dici", fai una risatina veloce e "ovviamente non lo faccio significa tu "per disarmarli con un po 'di umorismo. Non esagerare però, niente risate isteriche o commenti troppo rumorosi.

  2. Se ti rendi conto con 5 minuti dì "a proposito, proprio ora, quando ho detto di colloquio scadente, intendevo solo generalmente non tu o di recente "

  3. Alla fine dell'intervista, se ti dà fastidio, parlane durante il periodo delle" domande ".

  4. Dopo che te ne sei andato / quando torni a casa / il giorno / la settimana / il mese successivo, dimenticalo. Raggiungere quel punto sarebbe considerato strano.

I disarmi possono ritorcersi contro: "Ovviamente non intendo te"; Bene, chi intendi dire? Stai creando tensione in ufficio o pettegolezzi? Certo che diresti non io, sono seduto proprio qui! Se te ne dimentichi quando torni a casa, non c'è alcuna possibilità per loro di tirare fuori il tuo curriculum dalla spazzatura. * Segui sempre * le tue interviste!
Sì, li intende (può). Ma il buon umore può disarmare anche questo.
il follow-up è una buona idea. Invio sempre una sorta di (breve) e-mail di follow-up
il _ tu_ li intendevi. È sarcasmo ...
#2
+35
jcmeloni
2012-04-19 06:25:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Puoi sempre riprenderti in una certa misura da un errore in un'intervista, ma la chiave è il tempismo.

In primo luogo, sono d'accordo con la tua valutazione che la tua risposta non è stata la cosa migliore che potresti avere detto in quella situazione. Ma impara da esso (non farlo di nuovo!) E vai avanti. Inoltre, il più delle volte nelle interviste telefoniche, non tutti (specialmente se ci sono più persone in fila) sono appesi ad ogni tua parola, e ancora di più alla fine (spesso è il momento di compilare appunti prima di passare al persona successiva da chiamare).

Allora, come riprendersi da un errore? Alcuni pensieri:

  • Se è all'inizio del colloquio e ti viene chiesto qualcosa di concreto e fai un pasticcio, dì qualcosa come "aspetta un minuto, fammi tornare sui tuoi passi" e ribadisci quello che stavi cercando di dire.
  • Se è nel bel mezzo del colloquio, fai lo stesso, ma cerca di prendere una decisione in una frazione di secondo se la tua spiegazione è davvero preziosa o ti mette in una posizione migliore che no, perché avranno uno script che vogliono completare in un certo lasso di tempo.
  • Nella tua specifica situazione di errore alla fine, nella fase di "discussione", lascerei va soprattutto se non ti hanno dato alcuna indicazione che erano arrabbiati, e se non ti senti subito a tuo agio a lisciarlo (molte persone non possono e finiscono per peggiorare le cose).

A un certo punto tra "subito dopo" e "pochi giorni", dovresti comunque scrivere un gentile biglietto di ringraziamento, per ringraziare l'azienda per l'opportunità di intervistare e rafforzare il tuo desiderio di w ork per loro. Quello che in realtà non farei è dire "Oh, ricordi quando ho insultato le tue pratiche di assunzione? Per favore, non tenerlo contro di me."

Invece, sii breve, educato e grato: ricorda loro perché volevano intervistarti in primo luogo e non chiamare specificamente qualcosa che potrebbero non aver nemmeno sentito, preso sul serio o nemmeno ricordato di la misura in cui lo fai. Lascia che quella sia l'ultima impressione che hanno di te e fallo il prima possibile.

#3
+19
stslavik
2012-04-19 20:53:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In The Hot Seat

Sii immediatamente diretto. Ammetti il ​​tuo errore, ma non soffermarti. Stai dimostrando che tu, come tutti gli altri, commetti errori, ma che sei in grado di correggerli in modo rapido e silenzioso con il minimo imbarazzo per te o per l'altra parte (ovvero l'azienda).

Io una volta ha avuto un'intervista anni fa dove mi sono sorpreso a dire qualcosa di simile. Ecco come l'ho corretto:

Mi dispiace davvero; Sono stato estremamente nervoso per questa intervista per giorni e tendo ad avere un senso dell'umorismo piuttosto sarcastico. Quando sono nervoso, tendo a dire cose che sono piuttosto inappropriate per la situazione, ma che in un contesto più rilassato sarebbero probabilmente considerate divertenti ... Mi scuso per la mia mancanza di professionalità.

Alla fine dell'intervista, mi ha stretto la mano e ha detto:

Quando hai colto il tuo errore e lo hai corretto, sono rimasto davvero impressionato. Essere in grado di ammettere i propri difetti è segno di una forte etica.

In seguito ho scritto un'e-mail all'intervistatore, ringraziandolo per l'opportunità di intervistare e scusandomi di nuovo per il mio sbaglio. Sono stato richiamato per un secondo colloquio e mi sono assicurato di essere molto più attento la seconda volta.

Conosci i tuoi punti deboli

Fare lo stesso errore due volte è un suicidio professionale. Non ho intenzione di addolcirlo per te: se sai di avere la tendenza a commettere un errore, faresti meglio ad assicurarti di avere la capacità di imparare da esso.

Se sei fortunato abbastanza per ottenere un colloquio di follow-up, faresti meglio a dimostrare un comportamento più professionale la seconda volta. Probabilmente, la prima volta che intervisti con il direttore delle risorse umane. La seconda volta, probabilmente verrai ingaggiato dal direttore delle risorse umane e almeno da un vicepresidente con cui lavorerai. Non avrai un'altra possibilità a questo punto.

Se sei così fortunato ad avere l'opportunità di incontrare lo stesso direttore delle risorse umane, ringraziali rispettosamente per l'opportunità. Non esagerare, ma chiarisci che li devi . Dopo tutto, il tempo necessario per intervistarti è generalmente nell'intorno di 30-60 minuti sul limite inferiore; il tempo necessario per distruggere il tuo curriculum è stato di circa 45 secondi.

#4
+5
pap
2012-05-03 16:15:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La regola n. 1 è "pensa prima di parlare". Detto questo, possono verificarsi errori quando si è sotto pressione.

Nel caso generale, consiglierei di tornare indietro immediatamente. "Mi dispiace, l'ultima osservazione non è venuta nel modo in cui intendevo. Posso riformularla?".

Sto pensando dal punto di vista dell'intervistatore qui. Intervisto una discreta quantità di persone e alcuni candidati molto giovani che a volte possono essere molto nervosi. In generale, cerco di dare una latitudine abbastanza ampia per questo. Se il candidato mi piace ed è ovvio che una cattiva osservazione è dovuta a stress o nervosismo, spronerò il candidato e offrirò l'opportunità di riformulare o rettificare. In ogni caso, non risponderei negativamente a un candidato che ha chiesto di tornare sui propri passi e riformulare una risposta sbagliata. Al contrario, lo vedrei come un segno di maturità e umiltà.

Non risponderei bene a qualcuno che ha cercato di "smussare" scherzando su qualcosa che considererei un'osservazione seriamente negativa. Questo, per me, sa di insicurezza e incapacità di riconoscere e gestire gli errori, il che è indicativo di carenze di gran lunga peggiori rispetto al nervosismo delle interviste. Un colloquio può (e dovrebbe) essere rilassato, ma è comunque una faccenda molto seria e mi aspetto che un candidato rispetti ogni parola che dice.

Buono a sapersi. La mia sensazione è che il senso dell'umorismo non significhi ignorare gli errori o non ammettere / tornare indietro sui commenti, significa solo la capacità di ridere di te stesso. I luoghi di lavoro che non utilizzano l'umorismo non sono piacevoli da lavorare in base alla mia _esperienza_
@MichaelDurrant Oh, hai assolutamente ragione, un posto di lavoro privo di senso dell'umorismo non è piacevole. C'è una differenza tra l'umorismo e il tentativo di nascondere i propri errori scherzandoli. Allo stesso modo, c'è un posto per scherzare e scherzare in un'intervista, ma non mentre si discute di questioni serie, come quella che l'OP ha usato come esempio.
#5
+4
Atif
2012-04-19 06:17:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Forse potresti scrivere un'e-mail di ringraziamento in tal senso:

Saluti tal dei tali,

È stato un piacere parlarti della posizione x al telefono l'altro giorno. Volevo ringraziarti per l'opportunità perché sono molto entusiasta di questa prospettiva.

Inoltre, volevo farti sapere che stavo rimuginando sul nostro scambio nella mia testa e ho sentito che avrei potuto ha detto alcune cose che hanno superato il limite. Se è così, ti assicuro che è stato per zelo e non intendevo malintenzionati.

Se hai ulteriori domande sulle mie qualifiche, non esitare a contattarmi. Non vedo l'ora di sentirti.

Cordiali saluti,

c_maker

Se qualcuno desidera aggiungere / sottrarre qualcosa, si senta libero. Questo può essere difficile ...
Penso che affrontare un commento specifico sarebbe meglio: una nota generale come questa potrebbe creare confusione se l'intervistatore non avesse notato o non pensasse molto al commento esagerato per cominciare.
@oksayt Hmm, buon punto sulla confusione ... D'altra parte, ho problemi a vedere come si potrebbe formulare e indirizzare un commento specifico senza sembrare imbarazzante. Quindi penso che direi che se sei abbastanza sicuro che l'intervistatore * abbia * notato il commento, l'e-mail sopra va bene, e se non sei sicuro di aver fatto un'impressione negativa, è meglio non dire nulla .
Penso che suonerebbe imbarazzante se l'intervistatore non notasse nulla (o dimenticasse quello che hai detto), ma ho sottolineato qualcosa in particolare. Sento che essere vago e generico può essere nel peggiore dei casi, interpretato come un'eccessiva cautela da parte mia. Mentre se dovessi sottolineare qualcosa in particolare, potrebbe emanare un senso di compulsività. Anche l'intento principale della lettera è un "grazie".
Vorrei cambiare "oltrepassare il limite" ma non sono sicuro di cosa.
Questa è totalmente la cosa sbagliata da fare. Quello che stai facendo è cementare il tuo errore nella loro testa, riconoscendolo troppo. Questo a) evidenzia qualcosa che potrebbero non aver notato oppure b) ricorda loro qualcosa che speri si siano dimenticati.
#6
-2
Vietnhi Phuvan
2014-03-19 16:47:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Io: "Perché ci sono così tanti sviluppatori non qualificati nel team? È dovuto alle pratiche dei colloqui?"

Hai sbagliato la tua seconda domanda, che in tribunale sarebbe stata descritta come "guidare il testimone "- il problema potrebbe non essere nelle pratiche di intervista dell'azienda, ma in ogni modo l'azienda controlla i suoi candidati. Sospetto a questo punto che gli sviluppatori del team non partecipino al processo di intervista. Da qui il brontolio.

Quello che è fatto è fatto. Invia un'e-mail all'intervistatore ringraziandolo per il suo tempo e cogliendo l'occasione per ribadire tutto ciò che ti rende effettivamente un candidato qualificato e, di fatto, un candidato eccezionale. E se l'intervistatore ha delle domande o ha bisogno di chiarimenti, per contattarti.

La prossima volta chiedi un chiarimento: "Cosa intendono per" non qualificato "? Mancano le competenze di base nelle lingue che affermano di sapere? Mancanza di familiarità con i framework e le librerie che stanno usando? Scarse pratiche di codifica che introducono bug che fanno strappare i capelli al team? Non conoscendo la differenza tra la programmazione per fare i compiti a scuola e l'ingegneria del software per portare a termine il lavoro al lavoro? Non riesci a far sapere alla mano destra cosa sta facendo la mano sinistra? "



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...