Domanda:
È appropriato chiedere a un collega di "cosa è successo" dopo che mi hanno improvvisamente detto che domani sarà il loro ultimo giorno?
Chris
2020-02-25 21:22:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Un collega senior che lavora con l'azienda da oltre 6 anni, si è improvvisamente avvicinato alla mia scrivania, mi ha consegnato la sua scheda con le informazioni e ha detto: "È stato bello lavorare con te, ho detto a [capo superiore] che domani sarà il mio ultimo giorno". Era fuori dal nulla, quindi tutto quello che ho potuto dire è stato: "Grazie, è stato bello lavorare anche con te", quando se ne sono andati.

Ho interagito raramente con loro, ma mi sembrano un onesto, no- sciocchezze, gran lavoratore. È improbabile che vengano licenziati; è più probabile che sia una loro scelta personale di andarsene.

Immagino di poter dire di essere curioso di sapere cosa li spinge ad andarsene. Posso azzardare alcune ipotesi folli, ma sono tutte solo supposizioni.

La mia domanda è questa: dico più di quanto ho già detto? Ad esempio, parlo di più con il collega per esprimere ulteriori sentimenti o pensieri di separazione prima che se ne vada? Posso chiedere loro della loro scelta / decisione di partire? Posso parlare con loro per augurare loro buona fortuna per i loro impegni futuri?

Quello che sto cercando di affrontare per me personalmente è la domanda sul "perché se ne vanno", poiché non ho un chiaro risposta. E come affrontare quella domanda personale per me è probabilmente il nucleo della "mia domanda" per il pubblico di Stack Exchange.

Sarebbe stato bello se fossero state aggiunte alcune informazioni culturali.Paese, tipo di azienda ecc.
Sei stato fortunato che sia persino venuto a salutarti.Negli ultimi posti in cui ho lavorato, il primo che il team ha saputo che qualcuno se ne sarebbe andato è stato quando non si sono presentati al lavoro di lunedì!
@Frank [singular they] (https://en.wikipedia.org/wiki/Singular_they).Immagino che tu non abbia seguito meta negli ultimi cinque mesi.;-) Possibilmente simile nel concetto a Neil (sopra) [gender-neutral 'he'] (https://english.stackexchange.com/questions/30455/is-using-he-for-a-gender-neutral-third-person-corretto)
@Frank "Il singolare è emerso nel XIV secolo, circa un secolo dopo il plurale. Da allora è stato comunemente impiegato nell'inglese di tutti i giorni" la parola e il suo utilizzo è ancora più antica del tuo atteggiamento
"mi ha consegnato la loro scheda con informazioni".Bene, vai a bere una birra con il ragazzo e chiedi.Semplice come quella.
lei non è un ragazzo e non parliamo molto al lavoro, quindi invitarla a una birra sarà al massimo imbarazzante
Undici risposte:
#1
+135
Greg
2020-02-25 21:42:10 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È perfettamente ragionevole dire a qualcuno "Mi dispiace sentire che te ne vai. Cosa ti aspetta?" in un ambiente appropriato, come una conversazione personale privata. "Cosa c'è dopo?", O "dov'è il prossimo?" sono generalmente argomenti più facili del "perché" (come notato da Frank Hopkins nei commenti), ma potrebbero servire da seguito al "perché?"

Tuttavia, potrebbero non voler rispondere o potrebbero non sapere Qual è il prossimo. Se non hanno qualcosa in programma e se questo è qualcuno che saresti disposto a raccomandare (e sembra dal tuo post che lo faresti) potresti offrire la tua raccomandazione, che probabilmente sarebbe apprezzata.

Man mano che la conversazione va avanti, chiedere in modo più esplicito perché se ne vanno potrebbe avere senso, oppure potrebbero fornire volontariamente le loro ragioni. È possibile, tuttavia, che desiderino mantenere le loro ragioni nascoste e non siano disponibili a condividerle con te. Questa conversazione è probabilmente più facile se sei più vicino alla persona che se ne va (non sembra che sia così qui).

A meno che non ci sia un motivo specifico per cui hai bisogno di sapere (pensando di lasciare te stesso ecc. ) Consiglierei un tocco leggero e la consapevolezza che la tua curiosità potrebbe semplicemente non essere soddisfatta.

Aggiungerei che in genere il "dove dopo" è un argomento molto più semplice del "perché".Per il "perché" vorrei a) chiedere solo se sono un po 'più vicino al collega eb) assicurarmi che non ci siano altri colleghi in giro, in particolare se interessati a una risposta onesta e non solo a un'affermazione deviante.(Sentiti libero di incorporare se sei d'accordo o no ^^)
Espressioni come "posso chiederti cosa ti aspetta o va benissimo se è qualcosa che non sei ancora in grado di condividere?"potrebbe essere d'aiuto perché rende loro più facile evitare la domanda se non possono / non vogliono / non vogliono dire.
@Frank Hopkins - Ho modificato la risposta in base ai tuoi suggerimenti, sperando di catturare il tuo punto.
@Greg Certo, funziona bene, bella prima risposta qui.E se sei d'accordo con l'affermazione puoi anche rimuovere il riferimento sottolineando che viene da me, rende la risposta più leggibile imho - ma va bene anche che io lasci la citazione, come desideri;) Ci vediamo in giro.
#2
+88
Bee
2020-02-25 21:41:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Puoi, ma tieni presente che potrebbero non volertelo dire.

Direi qualcosa sulla falsariga di:

Ehi. Mi dispiace sentire che te ne vai, sono sicuro che ti mancherai. Mi ha colto di sorpresa quando me l'hai detto prima, ti dispiace che ti chieda perché? Capisci perfettamente se non vuoi condividere, ero solo curioso.

Ovviamente cambia la dicitura a seconda di quanto sei vicino, ma poiché sembri abbastanza sicuro che sia stata una loro decisione e non un licenziamento, non vedo alcun problema.

Non è piuttosto imbarazzante dire a qualcuno che non vuoi parlare di qualcosa?Non rende le cose più imbarazzanti dire qualcosa come "Capirei se non vuoi parlarne" (per qualcosa che non è intrinsecamente un argomento sensibile), in modo da implicare che è qualcosa che potrebbero non volereper parlare di?
@NotThatGuy Non credo, soprattutto se la persona che lo chiede ha già chiarito di esserne sensibile
Bene, ha consegnato a OP le sue informazioni di contatto mentre usciva.Per me sarebbe come dire "Non posso dirtelo, qui e adesso, ma dovresti chiamarmi".
#3
+53
B. Goddard
2020-02-26 22:04:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non sono d'accordo con la percezione di tutti gli altri qui. Questo tizio ti si è avvicinato e ti ha dato la sua carta. Penso che VOLEVA che glielo chiedessi. E penso che volesse restare in contatto. Qualunque cosa sia "il prossimo per lui" vuole che tu lo sappia. Forse sta fondando la sua azienda e ti ha identificato come una persona che vorrebbe coinvolgere. Forse se ne va per motivi etici e ti considera anche onesto e laborioso e pensa che dovresti sapere dell'evento non etico. Penso che proverei a pranzare con questo ragazzo.

Non potrei essere più d'accordo.Quando mia moglie ha lasciato il suo ultimo lavoro, non ha potuto mettere in guardia i suoi colleghi sui motivi, senza mettersi nei guai legali.Così ha chiesto in un momento privato "Ti capita di avere un'assicurazione legale? Se fossi in te, ne prenderei una in caso contrario. * Wink" (Arbeitsrechtschutzversicherung - non so la parola in inglese) Quindi, sono d'accordo che la consegnaoltre le informazioni di contatto dovrebbe essere un "suggerimento".
Non credo che fornire informazioni di contatto sia un invito assoluto a una discussione sul motivo della partenza.Potrebbe essere solo che il dipendente in uscita sta cercando di costruire una rete.
Sono confuso dalla tua supposizione.Se la persona VOLEVA che tu sapessi perché se ne sta andando così male, perché non te l'ha detto?
@dwizum Se sta succedendo qualcosa di permaloso, potrebbe essere brutto solo per essere visto mentre conversa.E forse non è tanto quello che volevano farti sapere, ma ti stanno offrendo.Non importa la situazione, segreti sporchi o costruzione di reti, il pranzo è ancora la mossa giusta.
Immagino che sia sicuramente possibile, ma sembra comunque una conclusione davvero specifica e forte da trarre dai dettagli presentati.Di nuovo, se avessero voluto pranzare e parlare di cose, perché non dire semplicemente "ehi, assicuriamoci di pranzare presto".Permettimi di chiarire, non sto cercando di discuterne o smentirti, e non penso che la tua risposta sia intrinsecamente sbagliata - penso solo che sia davvero ristretta.
Il punto principale per me qui è pranzare o bere qualcosa con questo ragazzo.Questo è il tipo di conversazione che vorresti assolutamente fuori dal posto di lavoro in un ambiente informale e rilassato.
#4
+26
dwizum
2020-02-25 21:41:11 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Questo mi sembra il tipo di domanda a cui, se devi chiedere, probabilmente conosci la risposta.

Lascia che ti illustri: ho avuto un collega che conoscevo abbastanza bene che si è avvicinato e ha detto me che domani era il loro ultimo giorno. Ansimai e di riflesso chiesi cosa fosse successo. Abbiamo finito per pranzare quel giorno e passare l'intero pranzo a guadare i dettagli cruenti di quello che stava succedendo. Non mi sono nemmeno soffermato a pensare che se avessi dovuto chiedere, conoscevo la persona abbastanza bene da sapere che si aspettavano di condividere i dettagli con me.

In un altro caso, avevo un collega che non conoscevo So benissimo dirmi la stessa cosa. Ho sorriso, ho augurato loro buona fortuna e ho stretto loro la mano. Una settimana dopo, quando hanno aggiornato il loro profilo LinkedIn con il nome del loro nuovo datore di lavoro, mi è "piaciuto" l'aggiornamento come dimostrazione di sostegno per la loro transizione.

In altre parole: ci sono considerazioni circostanziali, e io no Non penso che ci sia un'unica risposta giusta per tutte le situazioni, ma come linea guida generale:

  • Se conosci la persona davvero molto bene , probabilmente non saresti sorpreso dal loro annuncio perché sapresti già abbastanza della loro vita per sapere cosa succede. Quindi non ci sarebbe nemmeno bisogno di chiedere "cosa è successo".
  • Se li conosci un po 'bene e li consideri abbastanza vicini da puoi giudicare la loro apertura a una domanda del genere, quindi procedi in base a ciò che ha senso.
  • Se davvero non li conosci bene, e non pensare puoi giudicare la loro apertura alla tua domanda indiscreta, probabilmente è meglio "rimanere professionali" e mantenere le cose piacevoli e di alto livello.
D'accordo, mi sembra che non conoscano davvero questa persona così bene e che vogliano semplicemente soddisfare la propria curiosità.Se la persona che se ne andava voleva condividere quell'informazione, probabilmente l'avrebbe offerta.Il fatto che non lo abbiano fatto potrebbe semplicemente significare che non pensano che OP abbia il diritto di sapere, o potrebbe essere perché è scomodo per loro parlarne.Onestamente non vedo alcun reale vantaggio nel chiedere, e nel peggiore dei casi si arrabbiano e potenzialmente se ne vanno con una cattiva impressione.
Inoltre, non sottovalutare il valore dei pettegolezzi in ufficio, in queste situazioni.Lo dico in modo non ironico: supponendo che _non_ conosca il collega così bene, ma desideri comunque chiarire il motivo per cui se ne vanno, la tua migliore opzione (leggi: meno possibilità di essere visto come scorretto) èprobabilmente per scoprire da qualcun altro in ufficio che li conosce meglio e che ha ottenuto la storia attraverso le loro interazioni personali con il dipendente in partenza, piuttosto che chiedere direttamente.
Mi piacerebbe non essere d'accordo.Un collega (come scrive OP) si è avvicinato alla sua scrivania, ha consegnato le sue informazioni di contatto dicendogli che se ne andrà il giorno successivo.Sì, i muri hanno orecchie.Questo è esattamente il motivo per cui penso che non abbia detto di più a OP sul posto.Ma consegnare le informazioni di contatto - per me - è un silenzioso "chiamami!"
@delinear non deve necessariamente essere così.Capita così spesso che le persone parlino di se stesse con la speranza (ma senza la convinzione) che qualcuno si preoccupi e chieda, poi nessuno chiede e sentono che a nessuno importa.Non credo che un "Oh, è successo qualcosa?"può ferire, soprattutto se questa persona se ne va comunque.Nel peggiore dei casi, danno una risposta evasiva e tutti si dimenticano dell'incidente.
#5
+4
Mr. Boy
2020-02-26 22:25:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Chiedere in quel momento sarebbe stato del tutto ragionevole in modo educato. Chiedere più tardi se non è qualcuno con cui parleresti spesso è forse un po 'più imbarazzante, ma non hai molto da perdere dato che non ci saranno in futuro!

Dato che ti hanno dato il loro biglietto, potresti mandare loro un'e-mail fuori dal lavoro, magari dopo il loro ultimo giorno per augurare loro tutto il meglio ed esprimere sorpresa per la repentinità della partenza, chiedere se non gli dispiace condividere il motivo per cui sono partiti?

Questo.A quanto pare voleva restare in contatto dandoti il biglietto.Niente di sbagliato nel prendere contatto e chiedere casualmente.
#6
+3
ivan_pozdeev
2020-02-28 01:10:20 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In russo, c'è una frase di suffisso "... если не секрет" ("- se non è un segreto") specifica per un caso in cui stai facendo una domanda a cui l'altra persona potrebbe non essere disposta a rispondere. In questo caso, l'interlocutore può respingere la domanda senza implicazioni morali affermando che è effettivamente un "segreto", il che implicherebbe che è un "segreto" almeno da alcune delle persone che possono ascoltarli al momento.

Una traduzione parola per parola in questo caso sarebbe: "Che cosa è successo? - se non è un segreto".

Non so quale sia l'equivalente inglese, se ce ne sono. Puoi chiederlo su https://english.stackexchange.com/.

#7
+1
Aaron
2020-02-27 01:01:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

"È appropriato?" Sì.

Ma non forzare le cose con cui sono a loro agio. Sarebbe scortese e non più appropriato.

"Dovrei?" Dipende.

Nel mio lavoro precedente, volevo tenerlo per me quando me ne sono andato. Ho detto al mio manager che avrei detto al mio leader di mischia e ad un paio di persone del team che avevano bisogno di sapere per ovvie ragioni del flusso di lavoro, ma a parte questo vorrei andarmene tranquillamente.

, tutti ne hanno sentito parlare, e ho anche avuto persone di progetti precedenti sotto un precedente manager che mi hanno rintracciato e mi hanno chiesto dove stavo andando, perché e altre domande. Diamine, c'erano alcune persone che avevo incontrato nella hall o che erano in alcune delle stesse riunioni ma che non conoscevo nemmeno veramente chi me lo chiedesse. Era strano.

Qualcuno ha sentito tutte le chiacchiere sulla mia partenza, si è lamentato con le risorse umane, che si è lamentato con il mio manager, che mi ha detto che non mi avrebbero permesso di finire le mie 2 settimane perché le persone erano preoccupate che stessi pubblicizzando il Infatti stavo partendo e dove stavo andando. Gli ho ricordato che non volevo nessuna attenzione, che era la vite che si scatenava e le persone che venivano da me. Ha detto che non era in disaccordo ma che non aveva importanza "Oggi è il tuo ultimo giorno".

Nel tuo caso, dove sarebbero partiti domani comunque è un po 'diverso, ma ricorda che portare l'attenzione sul partire può causare effetti collaterali negativi. Potrebbe bruciare ponti per la persona che potrebbe voler tornare un giorno.

E spero che ti abbiano pagato per le tue due settimane.
In questa situazione sarebbe stato opportuno che il tuo manager informasse le persone che avevano bisogno di sapere.Questo ha reso la tua posizione un po 'difficile da gestire.Ma qualunque cosa accada, non puoi dimostrare di non aver informato nessuno, nella mia giurisdizione (Paesi Bassi) dovrebbero comunque pagarti per la risoluzione formale.A meno che non possano dimostrare che avevi torto molto seriamente.
@J.Hirsch In realtà, all'inizio non volevano.Hanno cercato di dire che il mio tempo di vacanza dovrebbe coprirlo.Ma ho ricordato che la politica aziendale dice che ottengo le mie ferie in contanti quando me ne vado e che avevo intenzione di calcolare le 2 settimane e incassare il tempo di ferie.Alla fine, sono stato pagato per le 2 settimane e le mie ferie pagate, quindi ho avuto una settimana e mezza di ferie "gratuite".Scommetto che ingannano molte persone facendole usare il loro tempo di vacanza nel modo in cui hanno cercato di convincermi.
@PaulPalmpje In quel luogo i manager hanno pochissima interazione con i team e si aspettavano una quantità di autogestione per quanto riguarda le cose tecniche e quotidiane, quindi spesso non sanno cosa sarebbe necessario dire alle persone.Avrei dovuto dire al mio manager chi aveva bisogno di dire e cosa avevano bisogno di sapere in mia assenza.Forse sarebbe stato un buon modo per dire "E vorrei andarmene tranquillamente. Ecco le persone che dovrai avvisare, ed ecco di cosa avranno probabilmente bisogno in mia assenza".Buona idea Paul.
@Aaron sì, sarebbe stato un interessante diritto del lavoro.https://www.thebalancecareers.com/when-are-you-entitled-to-resignation-notice-pay-2071690
#8
+1
Bill K
2020-02-29 04:06:27 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Mi è capitato un paio di volte - probabilmente non è appropriato discuterne in ufficio.

Suggerisco che se sei veramente interessato e disposto a trascorrere un po 'di tempo, potrebbe chiedere loro se puoi offrirgli il pranzo o un drink dopo il lavoro (potrebbe già esserci un gruppo che esce per un drink dopo il lavoro). Quando stai attraversando una transizione del genere, può essere davvero bello avere qualcuno con cui sfogarsi.

Se stai solo cercando una risposta rapida, qualche succoso pettegolezzo aziendale, probabilmente direi " Mi dispiace vederti andare "e aspetto che le voci si diffondano la prossima settimana :)

#9
  0
Dan
2020-02-27 20:41:13 UTC
view on stackexchange narkive permalink

mi ha consegnato la loro scheda con le informazioni e ha detto: "È stato bello lavorare con te, ho detto a [capo superiore] che domani sarà il mio ultimo giorno". È stato di punto in bianco, quindi tutto quello che ho potuto dire è stato: "Grazie, è stato bello lavorare anche con te", quando se ne sono andati.

Da quello che posso dedurre senti che perché ti hanno dato una carta, c'è una sorta di motivazione o indizio che la persona voleva che tu la contattassi?

Il mio consiglio è se c'è un indirizzo email, invia un'e-mail per augurargli buona fortuna e dai il tuo POC informazioni nel caso in cui vogliano contattarti. Di solito nome, numero ed e-mail sono abbastanza buoni.

È solo una cortesia professionale lasciare le tue informazioni quando parti. Puoi chiedere di usarlo come riferimento o viceversa per loro. Non è inteso come un pettegolezzo o capire perché se ne sono andati. Dal momento che ti ha dato la sua carta, con quelle che penso siano le sue informazioni POC fuori ufficio, si sente abbastanza a suo agio da poterlo contattare o viceversa nel caso in cui tu abbia bisogno di un riferimento o di un contatto professionale generale. Potrebbe anche essere un vantaggio trovare un nuovo lavoro se stai cercando in futuro. Basta un contatto e potrebbe essere in grado di inviare il tuo curriculum internamente per una maggiore considerazione per una posizione.

#10
  0
gmauch
2020-02-27 22:07:58 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Aggiungerò qui una risposta diversa, basata su un evento simile accaduto a me qualche tempo fa.

TL; DR;

Se non hai voglia di chiederglielo direttamente, potresti chiedere di aggiungerlo sui social network ( LinkedIn, ad esempio) per scoprirlo.

Per me ha funzionato quando un amico che conoscevo da tempo (siamo andati alla stessa università, ma subito dopo abbiamo perso i contatti) e verso le 10 abbiamo finito per lavorare per la stessa azienda. Circa 6 mesi dopo il mio arrivo, mi ha detto che sarebbe partito la prossima settimana.

Dato che ho sentito di poter porre la domanda più personale "Dove lavorerai, allora?" la sua risposta è stata: "Lavoro ancora qui e Non sento che sia il momento di condividere dove sto andando ". Pensavo che la mia curiosità sarebbe rimasta senza risposta, ma poche settimane dopo che se n'è andato, il feed di LinkedIn mi ha detto dove era andato.

Quindi, dato che ti ha dato la sua carta, puoi cercare il suo nome e aggiungerlo come un contatto su LinkedIn. Se non ha voglia di condividere più informazioni con te, rifiuterà semplicemente la tua richiesta. Sulla base della mia esperienza con ex colleghi di aziende per cui ho lavorato, questa è una pratica comune.

#11
-1
KNP
2020-02-28 23:03:12 UTC
view on stackexchange narkive permalink

In una delle organizzazioni in cui avevo lavorato in passato, c'era una tradizione secondo la quale le persone seguivano dove l'ultimo giorno lavorativo inviavano un'email a tutti quelli che incontravano o addirittura salutavano utilizzando il loro ID email di lavoro dicendo arrivederci e includendo l'ID e / o il numero di telefono personali. Le persone a loro più vicine lo saprebbero già e per gli altri si trattava semplicemente di informazioni e la maggior parte le ignorerebbe e la persona che ha inviato l'email non si aspetterebbe più di un "In bocca al lupo" come risposta.

Condividere la loro email o il numero di contatto non significa necessariamente che vogliono essere davvero in contatto con te, soprattutto perché raramente hai interagito con lui. Quindi, non leggerei molto in esso e lo lascerei così.

Hai detto che sei curioso. Sono anche una persona curiosa e anche con i miei amici più cari, quando menzionano qualcosa del genere, dico semplicemente: "Oh! Non me lo aspettavo. Beh, buona fortuna comunque. Rimani in contatto!". Coloro che vogliono condividere di più, lo fanno. Quelli che non vogliono, non lo fanno. Penso solo che non sia affar mio capire perché hanno fatto qualcosa. Sebbene le tue intenzioni siano ben posizionate, ancora una volta, è una loro scelta. Quindi, rispettalo e torna al lavoro.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...