Domanda:
Qualcuno mi sta molestando su Twitter con false accuse di aver rilasciato dichiarazioni per conto del mio datore di lavoro
user1450877
2013-09-30 20:22:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Lo scenario:

Vengo dal Regno Unito e lavoro per una multinazionale di medie dimensioni come sviluppatore di software. Durante le mie pause pranzo, a volte scrivo sul blog politico di un giornale del Regno Unito dal mio cellulare.

Uno degli altri poster si è offeso per uno dei miei post e poi è andato su Twitter e ha twittato pubblicamente a il mio datore di lavoro che stavo dicendo cose offensive come se stessi rappresentando l'azienda.

In nessun momento mi sono mai identificato come un dipendente dell'azienda, né ho affermato di parlare a nome dell'azienda . Non ho idea di come facessero a conoscere l'identità del mio datore di lavoro.

Non sto mescolando la mia vita personale con il lavoro. Non ho colleghi di lavoro amici su nessuno dei miei account di social media e da nessuna parte identifico il mio attuale datore di lavoro oltre a mettere mi piace alla loro pagina Facebook.

Il problema:

Sono stato sollecitato dalle Risorse umane e dal responsabile dello sviluppo e mi hanno chiesto di smettere di pubblicare cose e hanno detto che potrebbe essere portato oltre, anche se ho chiarito che ho postato i messaggi come privato nel mio tempo libero, non ho mai in nessun momento rivelato alcuna affiliazione con l'azienda e che qualcuno potrebbe fare lo stesso con loro molto facilmente.

Voglio chiarire che mi considero libero di pubblicare ciò che mi piace su argomenti privati. Come devo procedere da qui?

Hai utilizzato la WLAN aziendale? In tal caso, qualcuno dell'IT potrebbe aver dato un'occhiata al tuo traffico o chiunque ti abbia identificato ha semplicemente ottenuto l'IP utilizzato per la pubblicazione e non ha avuto problemi a ricollegarlo alla tua azienda.
come fanno a sapere per chi lavori allora?
@NimChimpsky Non so come abbiano scoperto con certezza perché l'account che ho commentato aveva solo il mio nome e un'immagine e non era collegato a nient'altro. La mia ipotesi migliore sarebbe che hanno cercato il mio nome su Facebook e abbinato il mio profilo usando la mia foto e poi hanno ottenuto l'azienda per cui lavoravo dalla pagina del mio profilo.
Questo è uno sproloquio, non una domanda e il PO non vuole una soluzione o capire la posizione delle aziende.
Sto pensando a diverse cose qui. (1) Quando fai * QUALCHE COSA * mentre la società ti paga, lo fai nel tempo della società. (2) Ogni volta che fai qualcosa online, viene associato all'indirizzo IP da cui ti sei connesso, e quindi può essere scoperto tramite whois. (3) Qual è la politica aziendale sui social media? ne hanno uno che hai accettato?
Probabilmente hai postato dall'indirizzo IP del tuo datore di lavoro. In realtà lo faccio a volte e questo è probabilmente un utile promemoria per me di smettere.
Cinque risposte:
#1
+23
IDrinkandIKnowThings
2013-09-30 20:39:53 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Le azioni hanno conseguenze

Sebbene il tuo datore di lavoro non possa costringerti a interrompere la pubblicazione di dichiarazioni politiche, è stato informato del tuo intervento e l'account è stato collegato a te personalmente. Se continui a pubblicare post utilizzando questo account, rischi che la tua azienda agisca contro di te. È possibile che tu abbia ragione a essere protetto, ma la società potrebbe avere un altro punto di vista e potrebbe scegliere di agire contro di te.

Se ritieni che le tue libertà umane fondamentali siano negate e vuoi davvero contestarlo, ti consiglio di contattare un avvocato e assicurarti di essere preparato se la tua azienda dovesse agire. Renditi conto che in queste situazioni è improbabile che tu esca presto in vantaggio.

Mi sento come se fossi vittima del mio datore di lavoro. Non ho infranto alcuna legge o politica aziendale.
Come ho detto nella risposta. ** Se ritieni che le tue libertà umane fondamentali vengano negate e vuoi davvero contestarle, ti consiglio di contattare un avvocato ** Così come hai la libertà di dire ciò che vuoi, hanno la stessa libertà. Anche le loro azioni hanno delle conseguenze.
#2
+13
HLGEM
2013-09-30 23:13:52 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La libertà di parola non significa che non ci siano conseguenze nel parlare. Significa che il governo non ti impedirà di parlare. Il tuo datore di lavoro era stato imbarazzato in pubblico e forse per un incarico politico che non vorrebbero essere associato a loro, ma ora lo è. Se hai identificato l'azienda nel tuo post è irrilevante, sono stati identificati pubblicamente. E le aziende odiano la pubblicità negativa. Devono proteggere i propri interessi, non i tuoi. Questo è ciò che stanno facendo chiedendoti di smetterla con i blog.

Ora ci sono due aspetti in questo, il legale e la domanda "ora dove andiamo da qui". La questione legale dovrebbe essere affrontata con un avvocato. Quella persona può dirti se hai una causa legale contro l'azienda per averti chiesto di fermarti o contro la persona che ha scritto il tweet per aver rovinato la tua carriera in questo particolare luogo. Questo è fuori portata per questo sito. Potresti voler controllare il manuale del personale e il tuo contratto per vedere se ci sono indicazioni applicabili anche se scegli di non parlare con un avvocato.

Ora, a parte gli aspetti legali, devi capire come lavorare da ora in poi. Sembra che l'azienda ti stia dando la possibilità di scegliere tra il blog politico e il tuo lavoro. Ti è stato dato un ordine diretto di interrompere il blogging. Devi decidere quale è più importante per te poiché chiaramente avere entrambi non è attualmente un'opzione. Poiché le risorse umane erano nella riunione in cui ti hanno detto di desistere, sospetto che presentare un reclamo al riguardo ti farebbe solo contrassegnare come un piantagrane e renderebbe più probabile, non meno, un'azione avversa. Certamente non cambieranno la loro posizione solo perché non ti piace. Personalmente non tenterei nemmeno di sollevare nuovamente la questione presso le risorse umane senza una rappresentanza legale.

Puoi intraprendere un'azione legale, ma sappi anche, prima di farlo, che anche quelle sono rischiose. Se scegli di fare un grande affare su questo, stai essenzialmente scegliendo di terminare la tua carriera in questo posto di lavoro. (Potresti avere successo e non essere licenziato, ma devi accettare che ci sono buone probabilità che tu stia rovinando la tua carriera in questa azienda perseguendo questo.) Ora la questione potrebbe essere abbastanza importante per te da essere accettabile, basta sapere in anticipa quello che stai rischiando.

E se dovessi scegliere di perseguirlo legalmente (e non so onestamente se hai una gamba legale su cui stare), sospetto che sarebbe comunque nel tuo interesse astenersi dalla politica bloggare fino a quando questo non viene risolto poiché ti è stato chiesto direttamente di farlo. Potrebbe anche essere nel tuo interesse cercare altre opportunità di lavoro in aziende a cui non dispiacerà il tuo blog politico.

Qualcuno di questo è giusto? No non lo è. A volte devi scegliere perché tutte le azioni hanno conseguenze. Se non puoi accettare le potenziali conseguenze, non eseguire l'azione.

"Il tuo datore di lavoro era stato imbarazzato in pubblico e forse per un incarico politico che non vorrebbero essere associato a loro" Questo è il punto aspro in tutto questo. * Chi * ha creato quell'associazione è irrilevante, per quanto ingiusto possa sembrare.
#3
+8
dcaswell
2013-09-30 21:20:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sono molto arrabbiato per la mancanza di supporto che ho ricevuto, fondamentalmente qualche idiota sta cercando di molestarmi e stanno giocando con esso.

Secondo me questo non è è la cosa fondamentale da togliere a quello che è successo. Potrebbero essere davvero di supporto e garantire comunque che la tua carriera in azienda sia finita: potrebbero lasciarti passare per una promozione, assegnarti i compiti peggiori, ecc.

Hai ricevuto informazioni: cosa dici lontano dal lavoro può influire sul modo in cui vieni percepito al lavoro. È vero anche se il 100% del mondo pensa che sia sbagliato, hai completamente ragione e la persona che Twitter su di te è la peggior persona al mondo.

Torna indietro tempo prima che le risorse umane ti incontrassero. Allora l'informazione era vera. Questo comportamento fuori dal lavoro stava influenzando la tua carriera, semplicemente non lo sapevi. Ora lo sai.

Forse un giorno un nuovo datore di lavoro penserà di assumerti e non lo farà sulla base di qualcosa del genere e tu non lo saprai mai. Forse è già successo.

Quindi la domanda è: cosa intendi fare? Personalmente ho creato un nuovo indirizzo email che utilizzo solo per i post pubblici.

Non è nemmeno un collega, è solo una persona a caso da Twitter.
Il punto è che sei stato identificato. Fai come ha fatto user814064 e usa un altro account.
Intendevo cosa dovrei fare per sollevare un reclamo con le risorse umane
@user1450877 - Potrebbe essere un collega, potrebbe spiegare, come sono stati in grado di collegare il tuo profilo al tuo attuale datore di lavoro. Per quanto riguarda la presentazione di un reclamo con le risorse umane, contatterò le risorse umane.
A questo punto, la modifica degli indirizzi e-mail o dei nomi utente probabilmente non aiuterà: se continui a postare sullo stesso blog, chi si è lamentato di te l'ultima volta probabilmente riconoscerà il tuo stile e le tue opinioni sotto qualsiasi nome. Cambiare lavoro _può_ funzionare, ma solo se comunichi in anticipo al tuo nuovo datore di lavoro che verrà presentato un reclamo e convincilo ad accettare che va bene. Immagino che potresti chiedere al tuo prossimo datore di lavoro di non elencare il tuo vero nome (o qualsiasi altra cosa che potrebbe essere utilizzata per collegarlo al tuo profilo online) sul suo sito web.
#4
+5
Pete
2013-10-01 06:57:08 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come richiesto, ho apportato modifiche significative a questo per chiarezza.

La prima cosa che potresti fare è forse inoltrare la richiesta al supervisore del tuo manager o al direttore delle risorse umane. È del tutto possibile che le persone con cui hai parlato semplicemente non capissero che non rappresentavi l'azienda. Ad esempio, se hai scritto una colonna politicamente correlata per il tuo giornale locale e l'hai presentata come saggio per gli ospiti, è probabile che il tuo datore di lavoro non abbia problemi, anche se qualcuno chiamasse per lamentarsi. La mia opinione è che i media siano media, online o offline.

Credo che ci siano alcune persone (ad esempio: Vicepresidente, professionisti delle pubbliche relazioni) che, indipendentemente dal fatto che stiano facendo una "dichiarazione ufficiale" o meno, devono essere consapevoli di ciò che stanno dicendo perché può sempre essere considerato un "commento ufficiale". I portavoce designati devono essere particolarmente cauti su cosa e quando dicono, ma è probabile che tu non sia un portavoce designato.

Un punto di vista leggermente diverso su questo è quello, forse è il momento di cercare altre opportunità. Non ti sto suggerendo di entrare domani per smettere, ma piuttosto che potrebbe essere il momento di guardarti intorno e cercare un'organizzazione in cui ti "adatti" meglio.

Se la tua azienda non vuole che i dipendenti pubblichino sui social media su determinati argomenti utilizzando le loro identità reali, questa è una loro prerogativa. Penso che sia un po 'duro, ma non è la mia compagnia. Detto questo, se tu desideri pubblicare online utilizzando il tuo vero nome, questa è anche tua prerogativa e un tuo diritto.

Ora viviamo in una società in cui l'anonimato precedentemente associato a Internet sta lentamente iniziando a diventare un ricordo del passato. Le persone hanno vite, lavoro, account sui social media e opinioni. Ci sono organizzazioni che lo capiscono e gestiscono situazioni come quella che hai descritto in modo diverso. L'importanza del "fit" sul posto di lavoro, a mio avviso, non può essere sottovalutata. Potresti voler esplorare le opportunità presso le aziende che hanno politiche che supportano la tua capacità di offrire il tipo di commento online non anonimo che desideri fare.

Inoltre, gente, tenete presente che le risorse umane lavorano per la CORPORATION, non per i dipendenti. Sebbene i manager delle risorse umane spesso difendano un dipendente, il loro compito è proteggere il miglior interesse generale dell'organizzazione.
Ciao Pete, e benvenuto in [luogo di lavoro.se]! Tendiamo a mantenere le [risposte che consigliano di smettere] (http://meta.workplace.stackexchange.com/questions/1692/is-quit-your-job-an-acceptable-answer?lq=1) a uno standard molto elevato a causa della natura irreversibile di lasciare un lavoro. Potresti essere così gentile da [modificare] il tuo post per spiegare perché questa è la risposta appropriata in questa situazione?
@Joe apparentemente lo è. Alcune persone cercano solo l'affermazione di decisioni già prese. Ancora non significa che questa risposta non debba essere migliorata per i potenziali futuri spettatori ...
Grazie per il tuo feedback. Sono d'accordo che il mio post iniziale potrebbe non essere stato il più articolato possibile. Non stavo cercando di suggerire OP e smettere, piuttosto che potrebbe voler cercare altre opportunità. Ho riscritto il mio post e, credo, ho articolato molto meglio i miei punti principali. Per favore fatemi sapere pensieri.
@PeteBekisz - Non volevo smettere prima che ciò accadesse, sono stato vittima di molestie online, il mio datore di lavoro non dovrebbe agire di concerto con la persona che mi molesta per rendere la molestia ancora più spiacevole. Non ho infranto regole aziendali, i miei commenti non erano nemmeno di natura politica o offensiva, solo uno scherzo a spese di qualcuno. Il mio datore di lavoro era solo sconvolto dal fatto che il problema fosse evidenziato sul loro feed Twitter. Fondamentalmente vengo punito per il comportamento di qualcun altro su cui non ho alcun controllo. Non solo è immorale, ma è completamente poco professionale da parte loro.
@PeteBekisz - Ad esempio, cosa succede se a qualcuno su Stack Exchange non piace una delle tue risposte e cerca deliberatamente dove lavori e inizia a twittare accuse su di te al feed Twitter del tuo datore di lavoro. Come ti aspetteresti che rispondesse il tuo datore di lavoro, pensi che sarebbe appropriato che ti considerassero personalmente responsabile delle azioni di qualche pazzo a caso su Internet?
questi ultimi due commenti avrebbero dovuto essere per @JoeStrazzere
#5
+4
Kaz
2013-10-01 05:13:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Anche se nei tuoi messaggi non ti identifichi come dipendente dell'azienda, in qualche modo è possibile che qualcuno determini la connessione tra te e la tua azienda. La prova è che qualcuno l'ha fatto.

Non è possibile per te dire qualcosa e non rappresentare la tua azienda in una certa misura. Il fatto è che sei un dipendente di quella società e questo non può essere separato da te al 100%.

Ad esempio, pensi di poter fare una dichiarazione, privatamente come te stesso e non in un ruolo di dipendente, criticare uno dei clienti della tua azienda? Indipendentemente dal tuo disclaimer su quale "cappello" indossi quando fai quella dichiarazione, tale affermazione è collegata al tuo ruolo presso l'azienda.

Qualunque cosa controversa che dici potrebbe essere dannoso per gli affari, se esiste una connessione tra te e la tua azienda. Che cosa succede se una persona in un'altra azienda con cui la tua azienda fa affari lo legge e ne viene scoraggiato, e quindi influenza la loro decisione commerciale che influisce sulla tua azienda? La gente conosce il tuo nome, giusto? "Ehi, guarda questo! Non è Bob Chatham di Acme, Inc? Che cosa terribile da dire; non c'è modo di concedere ad Acme quello sconto sul loro prossimo ordine dei nostri Super Widget."

Prendi in considerazione l'utilizzo di un alias per messaggi politici provocatori e cose del genere e, se necessario, utilizza un servizio proxy anonimo.

Meglio ancora, non dire cose infiammatorie. La conclusione è che anche noi possiamo assumerci la responsabilità delle nostre azioni, il che potrebbe influire molto sul modo in cui gli altri ci trattano.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...