Domanda:
Impatto di menzionare in un'intervista che la causa dell'abbandono del lavoro precedente è un cambiamento significativo nella gestione?
Val
2017-04-17 15:57:38 UTC
view on stackexchange narkive permalink

È risaputo che durante un colloquio di lavoro non si dovrebbe inveire contro il precedente datore di lavoro quando gli viene chiesto perché il candidato ha lasciato il lavoro precedente. Ci sono un sacco di domande e risposte su questo stesso sito al riguardo.

Tuttavia, se uno era molto felice in un lavoro per diversi anni, ma un improvviso cambiamento nella gestione (il capo che lascia e viene sostituito con qualcun altro , azienda acquistata, o alcune riforme nell'azienda che ne hanno spostato la cultura e gli obiettivi, ecc.) hanno reso insoddisfatti, è saggio menzionarlo o si dovrebbe attenersi alla blanda risposta "alla ricerca di nuove opportunità"?

Si può dare una risposta generica in stile "Sono stato felice lì per molto tempo, ma recentemente ci sono stati grandi cambiamenti nella gestione che mi hanno preoccupato" senza suonare come uno sproloquio o una pugnalata alla società precedente?

In breve, sì.Userei qualcosa come "Recentemente c'è stato un cambiamento nella gestione che ha causato un cambiamento significativo nella cultura aziendale" e proverei a lasciarlo così.
Possibile duplicato di [Come faccio a fornire un riferimento per un potenziale luogo di lavoro se il motivo per cui ho lasciato il mio precedente posto di lavoro era dovuto alla direzione?] (Https://workplace.stackexchange.com/questions/28014/how-do-i-give-riferimento-per-un-potenziale-posto-di-lavoro-se-la-mia-ragione-per-lasciare-il-pr)
@whrrgarbl 1) quella risposta è chiusa 2) Questo è diverso in quanto nella tua domanda collegata, il problema era solo la gestione, questo problema è dovuto a una scossa aziendale e avrebbe una risposta molto diversa, come da risposta di Joe di seguito.
@RichardU, Ho visto che era un duplicato, di un duplicato, di un ... quindi basandomi su questo ho pensato che andasse bene scegliere (quello che mi sembrava) quello più evidentemente correlato, piuttosto che tornare indietro attraverso l'intera catena.Ma se questa non è una pratica accettabile, lo prenderò nota per la prossima volta.
I post chiusi di @whrrgarbl potrebbero essere eliminati, quindi se fai riferimento a un post chiuso, quello che hai contrassegnato come duplicato potrebbe rimanere orfano.
@RichardU: Stack Exchange impedisce l'eliminazione delle domande che sono obiettivi duplicati.
L'ho detto una volta - "Ero molto a mio agio al lavoro nella mia precedente azienda. Ecco perché ho dovuto smettere"
Sei risposte:
#1
+106
Joe Strazzere
2017-04-17 16:46:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Può una generica risposta di stile "Sono stato felice lì per molto tempo, ma recentemente ci sono stati grandi cambiamenti nella gestione che mi hanno preoccupato" senza suonare come uno sproloquio o una pugnalata alla società precedente?

Non è l'approccio giusto.

Il cambiamento nella gestione non era il problema. Invece, è ciò che ha fatto la nuova direzione che ha reso il posto di lavoro uno che non soddisfa più le tue preferenze.

Quindi sarebbe giusto parlare del cambiamento nella gestione come introduzione, ma la vera storia è come è cambiata la natura / cultura del luogo di lavoro, cosa non ti è piaciuto e cosa stai cercando.

Se l'hai lasciato alla "direzione cambiato "allora un potenziale datore di lavoro concluderebbe giustamente che se la direzione cambiasse nel suo negozio che te ne andresti.

Concentrati invece sui cambiamenti portati dalla nuova direzione. E assicurati di non trasmettere che "tutti i cambiamenti sono negativi", ma di enfatizzare le specifiche che non si adattano alle tue esigenze.

Infine, collega il potenziale datore di lavoro ai tuoi pensieri. Spiega come ciò che vedi / senti su di loro si integra bene con la tua idea di un ambiente di lavoro eccezionale.

+1 risposta eccellente.Potrebbe essere assolutamente considerato come una paura del cambiamento, resistente al cambiamento, o semplicemente qualcuno che si alza e se ne va quando la direzione cambia direzione, o anche solo cambia.
In generale questo può essere vero, ma c'è anche una situazione in cui il nuovo capo è un idiota anche se il loro approccio gestionale va bene.Questo è un conflitto di personalità e ancora una ragione legittima per andarsene, anche se sono d'accordo, se possibile, a definirlo come un cambiamento "culturale" dovuto alla personalità e non a un rancore personale.
"Il potenziale datore di lavoro concluderebbe giustamente che se la gestione cambiasse nel loro negozio, te ne andresti".I datori di lavoro non sono robot né il programmatore nella barzelletta `` La moglie dei programmatori gli chiede di comprare le uova '': ci si aspetterebbe che siano in grado di dedurre che il cambio di gestione ha causato problemi, non il semplice atto di cambiare gestione è ciò che li ha causatipartire.
@Rob Le tue aspettative potrebbero essere troppo alte in alcuni casi, sfortunatamente.
@ray Se l'intervistatore sarà un manager diretto o un collega stretto, filtrare quelli per i quali tali problemi di comunicazione di base potrebbero non essere una brutta cosa
"* Se lo lasciassi a" la direzione è cambiata ", un potenziale datore di lavoro concluderebbe giustamente che se la direzione cambiasse nel suo negozio, te ne andresti. *" Eh?Se indossassi una giacca perché "la temperatura è cambiata", ciò indurrebbe una persona sana di mente a implicare che se la temperatura fosse cambiata verso l'alto, indosserei anche una giacca?Nessuna persona sana di mente interpreterebbe qualcuno che lascia un lavoro perché "la gestione è cambiata" nel senso che qualsiasi cambiamento nella gestione potrebbe indurlo a lasciare il lavoro.Significa chiaramente che è cambiato in un modo specifico che non ti piaceva.
#2
+66
Azuaron
2017-04-17 18:00:18 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Come persona che si trovava in questa situazione esatta 3 anni fa, è importante parlare del motivo per cui hai lasciato la tua azienda precedente. Altrimenti, finirai in un posto proprio come quello che stai lasciando.

Detto questo, devi ovviamente farlo in modo molto attento. Altrimenti, verrai considerato irritante e negativo. Quindi quello che dici dovrebbe essere specifico e, per quanto possibile, positivo.

Ecco cosa intendo. Sai cosa facevi del lavoro prima del cambio di gestione, quindi concentrati su questo. "Avevamo una cultura basata sulla missione. Mi piaceva essere organizzato in team di mischia interdisciplinari. Ho apprezzato avere orari flessibili. Poi è subentrato un nuovo team di gestione e non mi piace più l'ambiente di lavoro."

Riceverai meno offerte con questa strategia. Questa è una buona cosa. Il tipo di azienda che non vuole te perché ti piace la flessibilità ore è il tipo di azienda per cui non vuoi lavorare . (Ovviamente, inserisci i tuoi Mi piace.) Ricorda: le interviste riguardano tanto la selezione delle aziende per le quali non vuoi lavorare quanto le aziende che trovano candidati per cui vogliono lavorare.

L'ultima frase è ** oro ** e deve essere bruciata nel cervello di tutti.Non li stai implorando per un lavoro come se ti stessero facendo un favore, stai cercando di trovare una corrispondenza che sia altrettanto vantaggiosa per te per * tutte * le tue ragioni e non solo per i soldi.
Più offerte: più potere negoziale presso l'azienda per cui desideri lavorare.Se non sai cosa scegliere, scegline uno qualsiasi.Imparerai e farai scelte migliori lungo la strada.Meno offerte, meno scelte.Il tuo impegno paga, sempre.
@Neolisk: Il potere negoziale deriva dall'essere disposti e in grado di allontanarsi, non dal numero grezzo di offerte.Se hai 10 offerte, ma vuoi prenderne solo una, hai sostanzialmente meno potenza rispetto a tre offerte davvero interessanti.
Sarei molto più propenso a offrire un lavoro a qualcuno che si adatta naturalmente allo stile di lavoro della mia azienda rispetto a qualcuno che sta cercando di accontentare tutti.In questo caso, essere onesti è una buona cosa per entrambe le parti..
@Kevin: Il potere negoziale _in un mercato trasparente_ deriva dall'essere per andarsene.In generale, il potere negoziale deriva dall'impressione di avere alternative e nei mercati non trasparenti queste impressioni non devono necessariamente corrispondere alla realtà (in nessuna direzione).
#3
+11
Chris E
2017-04-17 21:02:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che sia molto importante rispondere al motivo per cui te ne sei andato ed essere il più onesto possibile. Alcune persone sono molto brave a fiutare gli inganni, anche se pensi di essere bravo a fare equivoci.

In un caso come questo, generalizza. Non dire nulla di specificamente negativo sulla gestione, ma piuttosto sull'effetto della nuova gestione e su come vedi l'azienda ora.

Personalmente direi qualcosa come "Da una ristrutturazione della gestione, l'azienda ha assunto una nuova cultura molto diversa e per molti versi non la riconosco come l'azienda in cui sono entrato. Non è che sia una cattiva azienda in quanto tale, è solo che mi piace è stata ceduta a un'azienda che è così diversa in quasi tutti i settori che ritengo sia il momento giusto per cercare nuove opportunità, qualcosa che è, ancora una volta, una soluzione migliore. "

Questo è a cavallo tra il dire perché te ne sei andato senza dire niente di negativo sull'azienda.

È importante ricordare che qualsiasi rapporto di lavoro è a doppio senso. Devono essere adatti a te, non solo a te. Quando ci sono cambiamenti significativi, a volte non c'è più un buon adattamento e va bene .

La linea di fondo è non dire niente di negativo sull'azienda e in effetti parlarne un po '. È un'ottima compagnia ma "dopo un po 'di ricerca interiore, ho deciso che non fa più per me e mi piacerebbe andare avanti. Non avrei problemi a consigliare qualcuno che non cercava la mia stessa cultura applicare lì. " E cose del genere.

#4
+1
PagMax
2017-04-17 16:57:19 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Penso che dovresti assolutamente trasmettere il motivo principale alla base della tua partenza senza inveire.

Invece di dire che eri "preoccupato" potresti dire che "non sei d'accordo" con la nuova cultura o direzione. Non devi sottolineare o enfatizzare che avevano torto, invece semplicemente che non corrispondeva ai tuoi obiettivi di carriera. Ci sono due ragioni per questo secondo me.

  1. Sembri più convincente e fiducioso se dici la verità invece di inventare una ragione in cui tu stesso non credi.

  2. Questo è anche giusto per l'azienda che sappia esattamente cosa ti rende felice e possa prendere una decisione informata. Altrimenti tu stesso corri il rischio che la situazione si ripeta.

Sono appena uscito da una situazione abbastanza simile in cui il ruolo e la direzione che l'azienda mi aveva promesso sono cambiati in modo significativo perché le persone che intervistato e mi ha offerto il ruolo spostato. Per tutte le mie interviste successive ho chiarito perché non ha funzionato nell'ultima compagnia. Non ho parlato male di loro, ma ho detto chiaramente che ci sono cose (come la tecnologia su cui lavoro) di cui sono molto esigente e voglio assicurarmi che non accada di nuovo. Non credo che nessuna azienda abbia preso la cosa negativamente e ho ottenuto il mio prossimo ruolo abbastanza rapidamente.

Sarebbe davvero bello se anche i downvoters lasciassero un commento qui.Essere onesti durante il colloquio sul cappello ti rende felice in un lavoro sbagliato?
Sono d'accordo sul fatto che sarebbe bello ricevere un feedback costruttivo da parte dei votanti, soprattutto perché sto sinceramente cercando di aiutare.Senza feedback, non c'è modo di sapere se il voto negativo è qualcosa che ho detto, come l'ho detto o qualcos'altro completamente.
Non ho votato negativamente (e in tutta onestà, non sono davvero sicuro del motivo per cui qualcuno * dovrebbe * votarlo negativamente), ma spesso le persone evitano di commentare per spiegare il loro voto negativo perché il più delle volte porta la persona a essere sottovalutata si sente obbligatadifendere la propria posizione, che a volte può portare a discussioni.La mia ipotesi migliore nel tuo caso sarebbe che forse le persone sono preoccupate di condividere * troppo * il motivo per cui uno sta cercando di andarsene.Penso che evitare troppi dettagli sia di solito nel migliore interesse del candidato.
Sono d'accordo.Forse non l'ho messo correttamente, ma intendevo esattamente quello che dicono le altre risposte votate in alto !!
Votato."Sembri più convincente e fiducioso se dici la verità invece di inventare una ragione" Esattamente questo.L'intervista non è un posto per spiegare perché hai ragione.C'è solo il tempo sufficiente per spiegare chi sei.In definitiva, il motivo per cui sei così non ha importanza.Non ha senso dimostrare qualcosa al tuo futuro datore di lavoro, è probabile che sprecherai questo sforzo.
#5
  0
Tom Au
2017-04-18 09:07:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il mio consiglio è di essere "comparativo" anziché "negativo" riguardo ai cambiamenti di gestione nella tua vecchia azienda. Il motivo per cui questa strategia funziona è perché hai qualcosa di positivo da dire sulla tua vecchia gestione.

Quindi quello che farei è discutere le cose che mi sono piaciute di A, la vecchia gestione, e perché non mi piace B, la nuova gestione, tanto. legare tutto insieme, vorrei sottolineare come e perché C, l'azienda con cui stai intervistando, è più simile ad A che a B, ed è ora la tua azienda preferita.

"per te": Per favore, non che non si tratti di me.Volutamente non ho scritto la domanda in prima persona, perché non si trattava di un problema attuale che sto affrontando personalmente in questo momento.
@Val: Questa è solo una forma standard di indirizzo su SE, da un rispondente a un interrogante, anche se non è letteralmente vero.
#6
-2
bharal
2017-04-17 16:18:31 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Sì, non farlo.

Quando scegli un ruolo, stai cercando di dire alle persone (e, si spera, intendendolo) che quello che stanno facendo è di tuo interesse. Che sei entusiasta di lavorare facendo qualunque cosa sia, che questo settore è l'ideale.

Ciò che l'azienda che assume (idealmente) vuole è qualcuno che sia entusiasta di essere lì, che aggiungerà valore e rimarrà lì - non qualcuno che sta usando questo come trampolino di lancio per trovare un altro lavoro diverso.

Ogni volta che dici qualcosa sulla società passata, non è il parlare male in sé che è davvero male (anche se, è), è l'idea che non sei felice, che sta accelerando il trasferimento.

Anche se l'azienda è nello stesso settore, voler vedere come un'azienda di cui sei entusiasta sta facendo qualcosa è molto meglio.

Lavoro per una grande società di telecomunicazioni.Ti prometto che se mi candido a Verizon non saranno entusiasti del fatto che io gli dica quanto è bello lavorare qui.Non vai ad un appuntamento e parli di tutte le grandi cose della tua ex ragazza * Se ti viene chiesto * dici come andava bene e tutto ma non solo per te e vuoi davvero qualcosa di meglio.Se chiedi, non dici "È stata fantastica! Mi è piaciuto molto stare con lei e ci è piaciuto molto stare insieme! Voglio solo stare con qualcun altro ora".
@ChristopherEstep: Statisticamente si cambierà lavoro ogni 3-5 anni, non importa quanto sia buono quello attuale.È normale avere 10 lavori durante la vita.Non è normale sposarsi 10 volte nella vita.Le persone vogliono assumere altre persone che si sentono positive sul loro lavoro, incluso il loro lavoro precedente.Non tutti se ne vanno perché odiano il loro lavoro, e sicuramente non dovresti presentarti come quel ragazzo (anche se vero) - questo limiterà le tue opzioni.
Per supportare ulteriormente la risposta, molti career coach nei loro corsi retribuiti sostengono di rimanere sempre positivi durante il colloquio.Ricordo uno di quei consigli - anche se il tuo manager era un incubo assoluto, dovresti dire "Sì, il mio manager è stato fantastico, molto solidale, un'esperienza molto utile ecc."


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...