Domanda:
Il consiglio generale per non uscire con i colleghi si applica anche ai dipendenti delle aziende con cui la tua azienda intrattiene rapporti?
Nzall
2020-02-13 15:19:57 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Capisco che di solito non sia considerata una buona idea uscire con i colleghi, perché può portare a problemi personali che si riversano in ufficio e influiscono negativamente sull'azienda.

La mia domanda è: fa questo consiglio applicare anche ai dipendenti di aziende con cui la tua azienda intrattiene rapporti? Per fare un esempio concreto della mia situazione: uno degli addetti alla reception della palazzina uffici in cui la mia azienda affitta spazi per uffici. Non sono collaboratori diretti, ma d'altra parte problemi personali potrebbero comunque finire per interessare l'azienda.

Non si tratta di influenzare la compagnia ma te stesso.Saresti desideroso di compagnia in ufficio se avessi bisogno di vedere / incontrare quella persona ogni giorno se le cose andassero male?
Cinque risposte:
#1
+26
Player One
2020-02-13 15:26:42 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Capisco che di solito non sia considerata una buona idea uscire con i colleghi, perché può portare a problemi personali che si riversano in ufficio e si ripercuotono negativamente sull'azienda.

Perché valuti l'azienda più della tua vita personale?

Il "problema" con i colleghi di lavoro è che se la relazione va a male, dovrai comunque vederli e comportarti in modo professionale ogni giorno. Questo è tutto.

Esci con chi vuoi, sii un professionista al lavoro se non funziona (o anche se funziona) e non c'è davvero un problema. Onestamente è così semplice.

Ottima risposta.
Questo.Un'azienda non metterà mai il tuo interesse prima del suo, quindi perché dovresti?
Ti rendi conto che "l'interesse dell'azienda" in questo caso può significare che sei stato licenziato / degradato / spostato in diversi reparti, ecc. Come risultato della tua relazione?Potrebbe non essere sempre una cosa perfettamente legale da fare, ma quando hai due ex amareggiati che litigano, qualcuno otterrà la parte corta del bastone.Non frequentarsi al lavoro serve a proteggere il dipendente tanto, se non di più, del datore di lavoro.
@TymoteuszPaul Ho lavorato a tre banchi di distanza dal mio ex prima e ho sposato qualcun altro dal lavoro.Non è difficile essere un professionista o un adulto maturo.
@PlayerOne E ho visto un ex lanciare letteralmente uno schermo CRT all'altro.Nessuno dei due esempi porta a una regola universale.
@TymoteuszPaul Certo.Quella persona non sembra un professionista, O un adulto maturo però.Ed è su _them_.L'OP non dovrebbe avere che le azioni di quella persona immatura influenzino la propria vita e felicità.
@PlayerOne Non siamo robot, siamo umani.I sentimenti accadono, rendono le persone meno razionali e, senza una macchina del tempo, non puoi sapere come reagirai al dover lavorare fianco a fianco con qualcuno che ti ha tradito con un'altra persona vicino a te.Quindi dire alle persone di "essere semplicemente professionali" è piuttosto inutile, poiché presumi che le persone che agiscono in un modo tutt'altro che ideale lo faccia intenzionalmente, cosa che raramente accade.Devi valutare i rischi effettivi di voler uscire con qualcuno, non limitarti a dire "Se va male, saremo sempre professionali al 100%".
@TymoteuszPaul Anche l'ex a cui mi riferivo mi ha tradito, motivo per cui eravamo ex.Ho anche avuto a che fare con colleghi che mi indebolivano e mi ostacolavano, manager che mi incolpavano per i loro fallimenti, fornitori che cercavano di affermare che ero inutile in modo che potessero mantenere il loro contratto dopo aver consegnato nulla - essere in grado di "essere professionali" è piuttosto lontanoda inutile IMO.Ma hey, se qualcuno non è in grado di contenere le proprie emozioni quando ne ha bisogno al lavoro, probabilmente hai ragione e uscire al lavoro non è una buona scelta.E nemmeno qualsiasi altra posizione di responsabilità associata allo stress.
@PlayerOne Penso che questo sia il tuo punto più rilevante: "Se [le persone coinvolte non sono] in grado di contenere le proprie emozioni quando ne hanno bisogno al lavoro, [...] uscire al lavoro non è una buona scelta" - dovrebbe essere unrisposta (inclusa qualche discussione extra, forse).
Tuttavia, nessuno dei controesempi presentati qui nei commenti è realmente specifico del luogo di lavoro.Sostengono l'idea di * non uscire con persone pazze * più di * non uscire con colleghi. * Se qualcuno ti lancia un monitor, potrebbe farlo in un ufficio, a casa o al bar.
Per lo più sono d'accordo con questo, ma molte istituzioni hanno politiche (probabilmente con buone ragioni) che limitano * alcuni tipi * di appuntamenti all'interno dell'istituzione, normalmente quando c'è uno squilibrio di potere.I supervisori sono regolarmente banditi dall'incontrare subordinati e viceversa, ad esempio.
Vorrei poter votare questa risposta 100 volte.In genere è molto più facile trovare un nuovo lavoro che trovare il coniuge perfetto.Non lasciare mai che una stupida politica aziendale intralci la tua felicità a lungo termine.
Il vero consiglio che conosco è anche piuttosto: "Stai molto attento se vuoi iniziare un qualche tipo di relazione con qualcuno al lavoro" - e non "non farlo mai".Sentiti libero di incorporare.
#2
+15
mag
2020-02-13 16:30:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

La mia domanda è: questo consiglio si applica anche ai dipendenti delle aziende con cui la tua azienda fa affari? Per fare un esempio concreto della mia situazione: uno degli addetti alla reception della palazzina uffici in cui la mia azienda affitta uno spazio ufficio. Non sono collaboratori diretti, ma d'altra parte problemi personali potrebbero comunque finire per interessare l'azienda.

Non direi nemmeno che è sempre una cattiva idea uscire con i colleghi. È una cattiva idea uscire con persone su cui

  • hai qualsiasi tipo di autorità
  • hai qualsiasi tipo di autorità su di te
  • con cui lavori strettamente nella tua quotidianità

Tutti gli altri, secondo la mia esperienza e opinione, stanno bene. Molte relazioni di successo iniziano sul posto di lavoro e molte coppie si incontrano prima lì. I motivi per cui il consiglio di non uscire con le persone con cui lavori è solitamente limitato a due punti principali:

  • Uscire con superiori o subordinati è sempre un conflitto di interessi. Non puoi agire come un giudice obiettivo del tuo coniuge quando si tratta di recensioni, promozioni e aumenti di stipendio e viceversa. Anche se in qualche modo sei riuscito a mitigare quel conflitto di interessi, l'apparenza di scorrettezza sarà comunque presente, quindi è una cattiva idea.

  • Incontri con persone con cui lavori spesso e da vicino sarà un grave problema se la relazione si guasta. Ciò significa che uno di voi dovrebbe smettere o sareste entrambi infelici. Pessima idea.

Quindi non importa tanto chi è il datore di lavoro della persona con cui esci, ma piuttosto qual è il rapporto che hai con loro. Un impiegato che esce con una receptionist nell'edificio? Probabilmente bene

Un addetto alle vendite che esce con qualcuno nel reparto acquisti di un cliente? Molto non va bene.

"Un addetto alle vendite che esce con qualcuno nel reparto acquisti di un cliente? Molto non va bene."Penso che dipenderebbe dalla cultura dell'azienda, no?Se è il tipo di azienda che premia la "chiusura della trattativa" sopra ogni altra cosa, potresti ricevere uno schiaffo di approvazione per aver pensato fuori dagli schemi.
@nick012000 Oppure il cliente potrebbe decidere che la decisione di acquisto è stata presa sulla base del nepotismo dall'addetto all'acquisto e finire per annullare l'affare e non acquistare mai più da te.
#3
+6
520 says Reinstate Monica
2020-02-13 15:26:39 UTC
view on stackexchange narkive permalink

A meno che questa situazione non crei un conflitto di interessi, questa regola non si applica. In generale, i dipendenti di basso livello che non hanno molta voce in capitolo sulle decisioni prese dovrebbero essere al sicuro, come nel tuo esempio. Per i livelli superiori, dovrai trovare soluzioni alternative per evitare l'immagine di scorrettezza. Se provassimo ad applicare la regola alle aziende con cui la tua azienda intrattiene rapporti commerciali, i dipendenti Microsoft o Google dovrebbero essere virtualmente celibi!

#4
+2
ObscureOwl
2020-02-13 16:22:26 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono un paio di cose che possono rendere problematico gli appuntamenti sul posto di lavoro:

  1. Il rischio reale o percepito di favoritismo. "Ha ottenuto la promozione perché va a letto con il capo."

  2. Le conseguenze se la relazione si guasta.

  3. Fallout se devi scegliere tra relazione e lavoro.

Tuttavia, un numero significativo di relazioni si sviluppa tra persone che si conoscono attraverso il lavoro. Dopotutto, è dove trascorri molto tempo interagendo con le persone al tuo stesso livello.

Il favoritismo può essere un problema sia se accade davvero, sia se è percepito come accaduto . Supponi che tu e un collega desideriate entrambi una promozione e la ottenete perché siete semplicemente migliori. Ma stai uscendo con uno dei manager responsabili della scelta di chi promuovere. Il tuo collega potrebbe dire che è perché sei andato a letto con il capo. Questo può costarti il ​​rispetto degli altri colleghi.

Il rischio di favoritismi è qualcosa che le aziende possono provare a gestire con una politica del "non uscire con le persone nella tua catena di segnalazione". Ovviamente è più facile nelle aziende più grandi che hanno reparti veramente separati.

Se il rapporto finisce , ti sentirai comunque a tuo agio ad andare nello stesso posto di lavoro? La risposta può essere sì; non tutte le relazioni finiscono male. Ma non puoi promettere come (se!) Le cose andranno a finire. Quindi questo è un rischio che non puoi evitare se esci sul posto di lavoro.

E se devi scegliere? È questo il lavoro dei tuoi sogni? Questa è la tua anima gemella? Saresti disposto a passare a un supervisore diverso in modo da non avere più un conflitto di interessi?


Quindi, la risposta giusta "dipende". Incontrarsi sul posto di lavoro non è sempre male, ma dovresti essere consapevole dei rischi e non dare mai alle persone motivo di mettere in dubbio la tua integrità.

Vorrei espandere la parte con "se la relazione finisce" con il fatto che anche se sei completamente professionale, l'altra parte potrebbe non esserlo.E questo non significa sempre che riceveranno il peso maggiore del bastone da professionista, poiché può facilmente rimbalzare anche sull'altra persona nella relazione.Devi valutare i rischi come hai saggiamente sottolineato.
Cerco di non scherzare sui pronomi in questi giorni, ma "" Hanno ottenuto la promozione perché vanno a letto con il capo "rende i pettegolezzi molto migliori. :-).
@JeffreysupportsMonica lo fa di sicuro, ma ho pensato che avrebbe reso il post più confuso: P
#5
  0
Frank Hopkins
2020-02-14 06:54:25 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ci sono due tipi di regole qui che sembri confondere.

  1. Non avere una relazione che possa farti sembrare influenzato in decisioni importanti da essa o ciò potrebbe far sembrare che tu abbia usato la tua autorità professionale per costringere qualcuno a quella relazione.
  2. In generale, presta molta attenzione quando cerchi di stabilire una relazione privata con un collega , più privato è più attento / lento a stabilirlo dovresti prenderlo e più potrebbe essere un caso di 1) più devi pensare a risolvere il problema sottostante che lo rende un caso di 1), cioè potresti dover cambiare reparto se sei il manager del tuo coniuge, poiché i suoi colleghi potrebbero vedere favoritismi nelle tue decisioni, soprattutto se gestisci una squadra competitiva.

Probabilmente entrambe le regole potrebbero essere formulate un po 'meglio essere perfetti ma spero che tu possa cogliere l'intenzione generale. La regola 1 è stata discussa in poche risposte e dovrebbe essere piuttosto semplice: alla tua azienda non piacerà quando li fai sembrare "corrotti" ai clienti esterni (ad esempio, se il tuo coniuge rappresenta un cliente, fai affari importanti scegliendo la sua azienda concorrenti) o quando avveleni la cultura aziendale perché i membri del tuo team pensano che preferisci il tuo partner. Né apprezzeranno la prospettiva che tu li esponga a essere citato in giudizio per discriminazione sessuale, ecc. Ovviamente questo è anche potenzialmente un killer di carriera.

La regola 2 esiste perché non puoi andartene al lavoro da un disastro di appuntamenti. Se ti avvicini a qualcuno e questo è ingiustificato, goffo o potrebbe persino sembrare inquietante - anche se accidentale, in un bar puoi andartene, per non essere mai più visto ed entrambi te ne dimenticherai. Sul posto di lavoro questo può facilmente significare che il tuo rapporto con quel collega è avvelenato. Avere alcuni di questi casi o un collega eccessivamente irritato e potresti essere presto conosciuto come il ragazzo o la ragazza che vuole entrare nei pantaloni di tutti. Neanche una buona mossa di carriera. E viceversa, anche se non ti torna in mente - molte persone considerano il lavoro solo un lavoro e non vogliono essere infastidite dagli approcci di appuntamenti in quell'ambiente, ma vogliono sentirsi apprezzati per il loro lavoro, non esserlo corteggiati per il loro aspetto e il loro carisma. Quindi si tratta anche di rispettare i confini personali e in particolare il confine tra vita privata e vita lavorativa.

Se la prendi con calma, niente parla contro uscire con qualcuno dal lavoro. In effetti, il lavoro è un luogo perfetto per trovare qualcuno adatto, in quanto puoi osservare le persone in situazioni quotidiane, come reagiscono allo stress e come stanno al loro peggio piuttosto che al loro meglio. In realtà è anche un buon posto per conoscere la persona e non l'oggetto sessuale idolatrato, se ti prendi il tuo tempo.

Il posto di lavoro (insieme alla scuola / all'università) in genere è uno dei più comuni modi per incontrare un partner. Sebbene il numero vari tra i diversi sondaggi, vedi ad esempio questo: https://www.eharmony.com/blog/how-you-meet-your-spouse-matters/

E per esperienza personale, le coppie che si incontrano al lavoro in genere sono anche più stabili delle coppie che si incontrano, ad esempio, su Tinder. Probabilmente perché anche la barriera per iniziare effettivamente a frequentarsi (e renderla visibile) è più alta e le persone quindi impiegano più tempo per decidere se devono fare una mossa.

Detto questo: la regola 1 non si applicherebbe. La regola 2 sarebbe in misura leggermente ridotta. Sentiti libero di fare una mossa a un certo punto, ma fai attenzione, ad esempio inizia a conoscere quella persona piuttosto che chiederle apertamente un appuntamento.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 4.0 con cui è distribuito.
Loading...